Sull’ Onda della solidarietà 20-05-2014

 Eventi  Commenti disabilitati su Sull’ Onda della solidarietà 20-05-2014
Mag 202014
 

comunicato stampa

20 MAGGIO 2014 
GIORNATA NAZIONALE DI SENSIBILIZZAZIONE PER LA DONAZIONE DEL MIDOLLO OSSEO

“SULL’ONDA DELLA SOLIDARIETÀ”

Il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto
 ha deciso di offrire la propria solidarietà a ADMO, organizzando una campagna d’informazione sulla donazione e il trapianto di midollo osseo rivolta ai propri militari. E a conclusione dell’attività informativa, ecco la giornata nazionale.

Sull onda della solidarieta 20-05-14Nell’ottobre scorso ADMO ha celebrato il suo ventitreesimo anno di vita. O, meglio, di vite donate. Costituita nel 1990 per volontà di un gruppo di persone fortemente motivate a creare, anche in Italia, una valida banca dati di donatori volontari, l’Associazione ha come scopo principale informare la popolazione italiana sulla possibilità di combattere le leucemie e altre malattie del sangue (linfomi, mieloma, talassemia) attraverso la donazione e il trapianto di midollo osseo.

Quando ADMO ha iniziato il cammino assieme all’IBMDR (il Registro nazionale dei donatori di midollo osseo, con sede presso gli Ospedali Galliera di Genova, costituito nel luglio del 1989) i donatori iscritti in Italia erano 4.363, 188 i pazienti in attesa di donatori compatibili e una probabilità di successo molto esigua, pari appena al 7%. Nel 1991 la prima donatrice italiana (di Torino) dona il midollo a un ricevente di Bologna e nel 1995 vengono iscritti oltre 50.000 donatori nell’arco di un anno, per cui si arriva al traguardo dei 100.000 potenziali donatori.

Un Paese da primati, l’Italia.
Dopo ventitré anni, i valori numerici hanno ben altro spessore: i donatori iscritti in Italia sono oltre 427.000 (dati IBMDR al 31 dicembre 2013), ma, soprattutto, è arrivata al 60% la probabilità di successo. Che tuttavia non è sufficiente, benché l’IBMDR sia collegato ai Registri di tutto il mondo per la ricerca di donatori compatibili. La ragione di questa insufficienza numerica? È presto detta: nel caso di donatori non consanguinei, la probabilità di trovare il donatore compatibile con il paziente che dev’essere trapiantato si verifica con un rapporto di 1 a 100.000…
Per questa ragione e per il fatto che l’Italia ha dimostrato, negli oltre vent’anni di attività di ADMO, di avere una popolazione da primati, l’Associazione vuole lanciare una nuova sfida, raggiungere un traguardo per il quale punta soprattutto sui giovani dai 18 ai 35 anni: arrivare a 500.000 donatori iscritti nel Registro italiano.
E la sfida viene lanciata attraverso l’iniziativa “sull’onda della solidarietà” dalle Direzioni Marittime italiane (Ancona, Bari, Cagliari, Catania, Genova, Livorno, Napoli, Olbia, Palermo, Pescara, Ravenna, Reggio Calabria, Roma Fiumicino, Trieste e Venezia), con la collaborazione delle Capitanerie di Porto e della Guardia Costiera. La giornata nazionale avrà luogo il 20 maggio 2014.

A tale sfida, la Regione Abruzzo ha risposto con delle giornate di sensibilizzazione concordate con la Presidente Regionale Daniela Mascioli ed il Direttore Marittimo Abruzzo-Molise Capitano di Vascello  Luciano Pozzolano che ha dato piena disponibilità agli incontri da tenersi nelle varie sedi della Guardia Costiera. Così a Pescara, oltre alla prima giornata del 6 Maggio tenutasi proprio nella Direzione Marittima, si è replicato l’ 8 Maggio l’ incontro con i militari del 3° Nucleo Aereo di Pescara diretti dal Comandante Capitano di Fregata Luigi Amitrano.

Altre giornate di sensibilizzazione sono state organizzate dalla responsabile della sezione di Vasto sig.ra Antonietta Cerulli con il Comandate del Circomare Tenente di Vascello Giuliano D’ Urso, e dalla responsabile della sezione di Giulianova dott.ssa Gabriella Lucidi Pressanti, con il Comandante del Circomare Tenente di Vascello Sandro Pezzuto.

La giornata conclusiva del 20 Maggio si è tenuta ad Ortona presso la Capitaneria di Porto con la partecipazione del Comandante Capitano di Fregata Nicola Attanasio, il suo Secondo Capitano di Fregata Erminio Di Nardo, il rappresentante del Direttore Marittimo Capitano di Fregata Paolo Pavese ed i ragazzi della classe IV TMA dell’ Istituto Nautico accompagnati dal Prof. Pietro Di Pasquale.

Ringraziamo tutti i Militari che hanno partecipato alle giornate di sensibilizzazione e tutti coloro che in questa occasione hanno deciso di iscriversi al Registro Nazionale dei potenziali donatori.

Ringraziamo il Direttore Marittimo, tutti i Comandanti delle varie sedi di Capitaneria di Porto, tutti gli ufficiali, i sottufficiali ed i marinai che hanno contribuito all’ ottima riuscita delle giornate di sensibilizzazione della  manifestazione conclusiva.

Daniela Mascioli
(Presidente ADMO Regione Abruzzo ONLUS)

Gallery 06-05-14 (Direzione Marittima Pescara – Circomare Vasto e Giulianova)
Gallery 08-05-14 (3° Nucleo Aereo Pescara)
Gallery 20-05-14 (Capitaneria di Porto Ortona)

A Pescara 27enne dona midollo osseo per trapianto su una bimba di Teheran

 Eventi  Commenti disabilitati su A Pescara 27enne dona midollo osseo per trapianto su una bimba di Teheran
Mag 162014
 

Ospedale PE

Una bellissima storia di solidarietà arriva dall’Ospedale di Pescara. Giovedì 15 Maggio una giovane donna di 27 anni, residente in città, è stata sottoposta ad espianto di midollo osseo. Un gesto molto importante, che molto probabilmente servirà per salvare la vita a una bambina di 4 anni di Teheran, affetta da una gravissima malattia ematologica congenita, l’Anemia di Fanconi.

I bambini affetti da questa malattia sono destinati a morte sicura entro la prima o la seconda decade di vita, a meno che non vengano sottoposti a trapianto di midollo osseo. Con tale procedura le probabilità di guarigione sono superiori al 60% dei casi.

Le cellule midollari prelevate sono state consegnate subito dopo l’operazione a un corriere internazionale e, nel pomeriggio, hanno raggiunto la capitale iraniana dove è stato effettuato il trapianto. Occorreranno alcune settimane per conoscerne l’esito. Il prelievo delle cellule midollari è stato effettuato, in narcosi generale, dall’equipe del Centro Trapianti del Presidio Ospedaliero di Pescara diretta dal Dr. Paolo Di Bartolomeo e costituita dai medici Dr. Gabriele Papalinetti e Dr. Valerio Cecinati. L’intervento non ha avuto complicazioni e la donatrice ha potuto lasciare l’ospedale di Pescara dopo 24 ore.

La donazione di midollo osseo volontaria non è un evento nuovo nella nostra Regione: sono infatti circa 35 le donazioni effettuate che hanno raggiunto pazienti in ogni parte del mondo. La ventisettenne donatrice pescarese era risultata l’unica compatibile in tutto il mondo con la piccola paziente iraniana. L’Associazione Donatori Midollo Osseo Regione Abruzzo Onlus (ADMO), presieduto da Daniela Mascioli, è nata più di 20 anni fa con lo scopo di informare la popolazione sulla possibilità di combattere le leucemie, i linfomi e altre malattie del sangue attraverso la donazione e il trapianto di midollo osseo, ossia di cellule staminali emopoietiche.

Per queste malattie, il trapianto di midollo è, spesso, l’unica possibilità di guarigione e in assenza di un donatore familiare, è necessario ricorrere ad un donatore esterno non consanguineo. Esiste, pertanto, una banca dati mondiale in cui vengono inseriti i dati genetici di donatori che hanno espresso la loro disponibilità a donare il proprio midollo osseo, qualora risultasse la compatibilità con un paziente in attesa.

In Italia attualmente ci sono circa 343.000 potenziali donatori, di cui 6.000 in Abruzzo. Per iscriversi al registro dei donatori è sufficiente un piccolo prelievo di sangue, avere tra i 18 ed i 40 anni (in alcune regioni il limite è 35 anni) ed essere in buona salute. Per maggiori informazioni, contattare l’ADMO Abruzzo (www.admoabruzzo.it), oppure recarsi al Centro Trasfusionale del Presidio Ospedaliero di Pescara.

Grazie alle  campagne di sensibilizzazione portate avanti dall’ADMO Abruzzo, che mira a diffondere tra i giovani la cultura della donazione, i giovani  comprendono la possibilità concreta di salvare una vita con un semplice gesto.

(www.viverepescara.it)